Logo Rai3

Fuori orario

Sabato 21 novembre 2015

In onda sabato 21 novembre 2015 dalle 2:05 alle 6:00

NON ABITARE LA TERRA DEGLI ALTRI
a cura di Simona Fina

L'EMIGRANTE - (1917)
Regia di Charles Chaplin
Con Charles Chaplin, Edna Purviance, Kitty Bradbury, Albert Austin, Henry Bergman, Loyal Underwood, Eric Campbell, Stanley Sanford, James T. Kelley, John Rand, Frank J. Coleman, Tom Wood

Sul piroscafo della speranza sono ammassati gli emigranti diretti nel nuovo mondo, senza distinzione di razza, sesso e  provenienza, accomunati dal desiderio di ricostruirsi una vita migliore. A bordo c'è anche un vagabondo solitario che tra tante  decrepite figure pare godere di buona salute, unica sua dote e bagaglio. Una bisca improvvisata sul ponte della nave gli  consente di racimolare qualche danaro vincendo alle carte ed ai dadi, dimostrando abilità insospettate.... Sulla nave, Charlot  incontra una ragazza di cui s'innamora. A New York, dov'è disoccupato, l'invita a pranzo e, minacciato dal brutale cameriere,  tenta di pagare con una moneta falsa. La fortuna gli piomba addosso proprio all'ultimo momento…

IL VILLAGGIO DI CARTONE - (2011)
Regia di Ermanno Olmi
Con Michael Lansdale, Rutger Hauer, Massimo De Francovich, Alessandro Haber, Elhadji Ibrahima Faye, Irma Pino Viney, Fatima Ali

Al momento dell'uscita nelle sale cinematografiche del suo film "Cento chiodi", Ermanno Olmi aveva dichiarato di voler tornare a  realizzare esclusivamente documentari. Con "Il villaggio di cartone", Olmi offre una riflessione sulla Fede e sul ruolo della  Chiesa al giorno d'oggi. Una Fede che è intesa come pratica, non spirituale, ma pratica della vita, del fare quotidiano,  dell'esperire come unica salvezza dinanzi alle difficoltà e ai paradossi della società che ci circonda. Un anziano parroco assiste  impotente allo smantellamento della sua chiesa. L'amarezza e lo sconforto svaniscono presto di fronte alla possibilità di trasformare quel luogo in uno spazio di accoglienza per un gruppo di clandestini africani.

IL FABBRICANTE DI GATTINI - (1969)
Regia di Rainer Werner Fassbinder
Con Rainer Werner Fassbinder, Hanna Schygulla, Lilith Ungerer, Elga Sorbas, Doris Mattes, Harry Baer
Versione in lingua originale con sottotitoli in italiano

Prodotto sulla base di un lavoro teatrale dello stesso Fassbinder, portato sulle scene due anni prima dall'Action-Theater, sciolto  dalla polizia nel maggio 1968, e di cui riproponeva il modello produttivo ("cinema girato in fretta e a basso costo, con la  partecipazione gratuita di cast e troupe), il film fu girato in soli nove giorni e costò circa 80.000 marchi. Katzelmacher è il  dispregiativo usato in Germania per gli stranieri immigrati. Jorgos, un greco, si inserisce in uno squallido gruppo di giovani e  tutte le tensioni represse tra i membri della compagnia si proiettano su di lui. L'unico motivo che lo induce a rimanere è la presenza di due ragazze

LA STAZIONE - (1952)
Regia e sceneggiatura di Valerio Zurlini

Italia, inizio anni cinquanta. Un paese che si lascia alle spalle le rovine e i disastri della guerra ed entra in una nuova fase di ricostruzione. Non c'è una trama vera e propria in questo cortometraggio di Zurlini. Si tratta, piuttosto, di uno sguardo che osserva uno spazio appena inaugurato: la Stazione Termini di Roma. Nelle sua moderna linea architettonica, la stazione è il  simbolo di una nuova epoca per il nostro paese e sarà anche il luogo che porterà tanti connazionali lontano dalle proprie città e  dai propri paesi di origine, in cerca di un futuro migliore.

DONNE DI LUCANIA - (1962)
Regia di Giovanni Vento

Abriola, un paese in provincia di Potenza, è abitato da sole donne, gli uomini sono lontano in cerca di lavoro. Abriola è un luogo  abitato da figure scure, sono i vestiti neri, come a lutto, delle donne che portano avanti i lavori domestici e quelli faticosi della  terra e del bestiame.

GENTE DI SERNAGLIA - (1960)
Regia di Leonardo Autera

Un emigrato giunge all'alba a Sernaglia  della Battaglia (Treviso) per rendere l'ultimo saluto a un compaesano. Anche il defunto  era emigrato lontano in cerca di fortuna. E' il triste viaggio di chi vive lontano, di chi lavora duro per costruire nel paese natale  una casa dove tornare in ferie e in vecchiaia. Le forme architettoniche delle costruzioni, testimoniano l'influenza dei paesi in cui  si è vissuti per anni da emigranti: alcune ricordano la Svizzera, altre la Francia.

Rai.it

Siti Rai online: 847